Inedito

Photo by Cristina Rizzi Guelfi ©

10418992_623314317766954_332474763404867044_n

Sul ramo di ciliegio
i fiori hanno il capo bianco
in aprile, ho il veleno in bocca.
La morte ha un sapore.
Quand’è amara, si è soli come cani
con i vicini di letto, agrodolce.

Fai quello che devi fare.

Chi ha detto che c’è tempo
è uno sporco bugiardo, una spia.
Il nostro aguzzino
ha il vestito da lavoro.
Più sei stanco, meno pensi.

Oggi si fa qualcosa per noi.

Uno sguardo al signore del bar
un sorriso ai bambini.
Prendimi la mano.
Seduti sul muretto a contare
i frutti sopra le nostre teste.

Ho sete, fammi bere.
Riempimi la bocca, ho fame.
Leggiamo, c’è quella parola che scalda.
È ora di dormire. Tienimi.

Sonia Lambertini

Annunci

4 thoughts on “Inedito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...