Inedito

pavi

 

guardo storta i movimenti di terra – devo stare giù
essere il punto ricevente – devo stare dove devo stare – giù
nella giusta prospettiva di chi guarda dal basso

il pavimento e il ventre piano, il piede del cacciatore
l’osso temporale, la luce – è bianca e lieve
le lunghe gambe del tavolo sembrano donne che mi vegliano

nelle incisioni perpendicolari – serve esercizio e tempo
il chirurgo ruba l’alito di ciò che resta
e io sono generosa, partecipo alla semina

sputo morbidi fiori bianchi

 

Sonia Lambertini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...