Inedito

ineditino.jpg

 

Tagliatemi le mani, la corolla
tagliate i ponti, la coda del serpente
le antenne pettinate della bella di notte.
Tagliate la strada all’architetto, i suoi calcoli celesti
seguite il volo della foglia, ala gentile degli uccelli.

Tagliatemi il respiro, il calice leggero del sonno
pesate le pietre argento a metà nel petto.
Tagliate la lingua al merlo, il suo canto arriva ai morti
mangiate il grano nero che ho rubato dal becco.

Sfilo il vestito, il giglio rosso della Landstrasser
estetica del pensiero, dice l’architetto;
una strana filogenetica la mia, vita di un petalo
pianta annua a vita breve, mostro denti profumati agli scarabei.

 

Sonia Lambertini

 

Inedito

12968022_859426667494783_1680158559022393823_o

Fotografia di Cristina Rizzi Guelfi ©

Se io filassi la lana
tornerei in me primaria
alla terra e il tempo
consumato sui fili
– dio del mio tormento
morirebbe vestito di sete

                                                              prima che taglino i pensieri
                                                                  oscillazione, lunga pausa

se io fossi il dio
del mio tormento
starei sospesa sul filo
a muovere i piedi nudi
per dire con voce acrobata
di cogliere i fiori annegati.

Sonia Lambertini