La sera canto

zxc

 

La sera canto alla mia bambina
non lasciarmi non lasciarmi non
un sussurro non
shhh
e prega con le manine bianche prega
sulla panca della chiesa
bianca, mano
prega di stare nella sera dormi nel
palmo della mano
la sera, guarda
mentre dormo e gioco non
ho smesso mai
giuro.

senza la paura non so chi sono
gioco in punta di piedi sul bordo
padre madre, tu che sei
una punizione severa
– lo dice anche Bataille –
la bambina cade dalle tue mani
sente male, è il gioco.

 

Sonia Lambertini

Annunci

Monolog

 

11801205_10204828221846151_1924354559_o

Costretta
al regno oscuro
dell’ombra
io sono natura matrigna
e ventre bianco, marmo
accidente, monologo.

Sonia Lambertini

*

Zum dunklen Kônigreich
des Schattens
gezwungen

bin ich stiefmütterliche Natur
und weißer Bauch, Marmor
Zufall, Monolog.
.

Traduzione di Anna Maria Curci

http://poetarumsilva.com/…/sonia-lambertini-in-viaggio-unt…/

Inedito

11805864_10204837959929597_1978826367_n

Certe mattine le cose ti cadono addosso.
Arriva il treno, mi sposta i capelli.
La casa trema, mi passa sopra.
Predilige la pancia.
Avanti e indietro il ferro delle ruote.
Avevo ragione a sentirlo entrare,
non mi sbaglio quasi mai.
Poi tocca a qualcos’altro,
prendiamo i piedi.
Sono pesanti e ordinano alle gambe di stare immobili
e dritte come in una riga militare.
Chi comanda sul serio, qui,
in questo esercito impazzito.
Senza la paura non so chi sono.
La pancia è brutta da guardare, io lo so già,
è sbiadita e calva come i volti dei suoi cadaveri.
Questa notte non so dove sono andata.
Ho chiesto al n. 29 del mio palazzo ma nessuno sa nulla.
Devo aver fatto tanta strada, sono così stanca.
È il primo luglio e si gela.
Suonano continuamente gli allarmi.
Cerco di tenerli a bada con le mani.
Ho voglia di dormire, per favore.
Fatemi dormire.

Sonia Lambertini

https://www.facebook.com/labalenadighiaccio?fref=photo